Con Aster si gioca alla “Fashion week”

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Nella Milano stranita dal virus, che cerca on line il riflesso della normalità perduta, può perfino capitare che la patinatissima “Fashion Week” diventi lo spunto per un gioco con i bambini. L’idea è venuta ad Aster, che le famiglie conoscono non proprio come Maison, ma come società costituita da archeologi e storici dell’arte attivi da oltre vent’anni nella progettazione di servizi culturali per l’infanzia. Di questi tempi la sfida è sempre quella di assemblare il puzzle con tasselli che non si incastrano: come conciliare le idee con la pervicacia nel chiuderci tutti in casa di un microbo 600 volte più piccolo di un capello? 

“Da archeologi non siamo mai stati fautori dell’attività on line – spiega Silvia Cernuschi -. Abbiamo, sempre preferito il contatto diretto in museo. Ma dobbiamo prendere atto che attraverso il web riusciamo a raggiungere persone fuori dal nostro territorio, curiose e interessate alle nostre proposte culturali”.

Ripiegare on line, quindi. Anche con i bambini, almeno in questa fase critica. Aster utilizzerà i “virtual tour”, con immagini anche in 3D, per mostrare i reperti presenti al Museo Archeologico (e non solo) che raccontano la moda dal periodo egizio fino ai romani, passando per etruschi e greci. Nella sezione romana, ad esempio, si vedono statue di personaggi in toga come il romanissimo (ma ormai milanesizzato) “Scior Carera”, che campeggia in corso Vittorio Emanuele 13. Oppure le fanciulle con le vesti svolazzanti raffigurate sui vasi greci, o ancora gli abiti in elegante lino degli egizi o in seta degli etruschi. Dopo la visita, si chiederà ai bambini di lavorare su uno scampolo di stoffa, ad esempio un lenzuolo, per confezionare un abito, con l’aiuto del personale di Aster. L’iniziativa s’intitola “Cortesie per gli ospiti”. L’idea è di far scoprire la moda, certo, ma anche le buone maniere di un tempo. Cioè un po’ tutto il contesto culturale dell’epoca. Segue sfilata virtuale, modello fashion week casalinga, diciamo in stile “Old Italy”. Domenica 17 alle 16. Iscrizione su www.spazioaster.it (6/12 anni, 8 euro a connessione su Zoom).

GiampRem