Teatro Kamishibai a Casa Zegna

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. A occhio il teatrino portatile giallo potrebbe essere lungo tre o quattro spanne, non di più, e alto meno di tre. Sul davanti non si vede il sipario: c’è invece un’illustrazione firmata da Elisa Zambelli. Quel disegno è il trampolino per entrare in una storia affollata di alberi, ricca di montagne e di passione per la natura. C’è tanto di Ermenegildo Zegna in questa immagine e infatti è proprio a lui che è dedicata “Gli uomini che piantano gli alberi”, la narrazione di teatro Kamishibai che la coop Tantintenti propone all’aperto domenica 1 novembre  (a ciclo continuo tra le  11 e le 17) a Casa Zegna, nel Biellese (Trivero). Serve un’ora e un quarto di macchina per cambiare scenario. Un piccolo sacrificio per riscrivere la trama di una domenica che il maledetto virus apprezzerebbe fosse passata da tutti tra le quattro mura. Ha stoppato con perfidia le grandi rassegne milanesi, il microbo, ma nulla può davanti a questo involontario simbolo di resistenza bambinesca che sbuca dal nulla nel bosco. Quindi all’aperto, sia pur confidando nel meteo. Quindi, dove il distanziamento con mascherina è effettivamente possibile. Piccolissimi gruppi, prenotazione obbligatoria per evitare sorprese e assembramenti, e il gioco è fatto. C’è il racconto di una storia, certo, e in tanti conoscono la solenne semplicità del teatro giapponese.

Ma qui l'”evento” sono ancor più le sensazioni che regala alla natura. E’ il foliage stesso a essere uno spettacolo e infatti ci sono proposte di passeggiate per ammirarne le tinte. Le guide naturalistiche di OverAlp accompagnano le famiglie in brughiera, a un’altitudine di 800 metri, tra percorsi che attraversano macchie di castagni e faggi, di ciliegi e betulle. Tradotto in colori vuol dire rossi che via via perdono prestanza e sfumano in diverse gradazioni di giallo. Molto si intuisce già dalla home page del sito dell’oasi, ma è chiaro che dal vivo è tutta un’altra cosa. La bellezza conquista anche i bambini, non solo i genitori, e per loro le guide hanno ideato giochi che rendono più stimolante la passeggiata. Sfide a riconoscere gli alberi, per esempio. Oppure giochi con le foglie, o la raccolta dei rami e dei tesori del bosco. Le passeggiate in brughiera sono in calendario nei week end del 31 ottobre e 1 novembre e poi il 7/8 e 14/15 novembre, con partenza alle 10,30 e e alle 14,30 dall’Oasi Zegna (ristorante Il Castagneto). Da Milano l’Oasi si raggiunge uscendo a Carisio dalla Milano-Torino seguendo per Trivero. C’è anche un sentiero che porta alla “Baby Forest”: per dieci anni si  è festeggiata la nascita di un figlio tra i dipendenti Zegna piantando un albero. Totale: quasi duemila alberi.

Prenotazione per il teatrino kamishibai: 015.7591460. Info e prenotazione (obbligatoria) per le passeggiate tel. 349.6252576.

GiampRem