In barca col vento o tra gli animali?

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Dall’altra parte di una primavera alterata dalla calma piatta potrebbe esserci un’estate tra le onde, con il vento in poppa. Basta accogliere l’invito della scuola di vela Horca Myseria che anche nell’anno del virus  conferma le vacanze per bambini e ragazzi in Sardegna, a Isuledda. Molti turni sono già pieni, ma c’è ancora spazio per i giovani marinai di  10/13 anni tentati dall’esperienza. Navigheranno a bordo di  derive Laser 16 e Caravelle nelle acque sicure del Golfo di Arzachena. Anche se godersi il sole nella brezza, come del resto governare la barca, non sono gli unici obiettivi. E’ l’idea di squadra, infatti, che viene coltivata. Durante le uscite gli istruttori danno un ruolo a ciascuno membro dell’equipaggio e questo rafforza il senso di responsabilità, oltre che le autonomie. Previsti turni settimanali per i mesi di luglio e agosto. Si alloggia in tende casetta con letti a castello, nella sede della scuola. La quota  di 780 euro comprende il trattamento a pensione completa a Base Due e il viaggio in treno (Genova) e nave (Olbia). Ma le mille tonalità di azzurro non sono l’unico scenario possibile per l’estate 2020. Puntando la bussola verso a nord, precisamente a  45 km dopo Trento, sono le sfumature di verde a prendere il sopravvento. Quello dei boschi e dei prati attraversati da sentieri che portano a conquistare cime (alla portata), a rilassarsi vicino ai laghetti e a giocare in piena libertà dimenticandosi del traffico e dello smartphone. Questa l’idea di estate della Casa degli scoiattoli, un kinderheim attivo dal 1971 a 1150 metri di altitudine: avventure nel bosco, grandi passeggiate, costruire capanne, provare tanti sport e stimolare la propria indole artistica.

GiampRem