Venite parvulos a pigiare l’uva

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Meno ricchezza, meno comfort, poche distrazioni, ma tanta socializzazione in più. Non è una passeggiata, la vita campestre, ma chi vuole assaporarne le sfumature può provare la Festa dell’Uva al Castello di Gropparello (PC). Fare il vino, per esempio, passa per il gioco della pigiatura. Domenica 8 settembre, e poi nelle successive domeniche del mese, i bambini sperimentano quest’antica antica arte, simbolo della vita contadina. Quanta condivisione si genera nell’entrare, in gruppo, a piedi nudi nel tino colmo di uva e nell’iniziare a pigiare i grappoli appena vendemmiati? Meno comfort, più socializzazione, appunto. Vista l’età, i moderni vignaioli non potranno gustare il frutto del loro lavoro, ma potranno portare a casa il mosto con le vinacce. Nel frattempo i genitori degustano i vini dei colli piacentini. Oltre alla “Festa dell’Uva” la visita al Castello regala emozioni anche al Parco delle Fiabe, abitato da cavalieri, dame e personaggi fantastici. A Gropparello l’hanno soprannominato “parco emotivo”, perché diventa il palcoscenico naturale di avventure in costume. Il biglietto 18/22 euro, comprende le visite al Castello, il percorso nel bosco, la pigiatura dell’uva e per gli adulti le degustazioni.  Informazioni e prenotazioni allo 0523.855814

GiampRem

Un’idea concreta contro l’eccesso di esposizione dei bambini agli schermi?

Iniziamo a staccarci noi adulti

Diamo l’esempio