C’è una sirena ai Bagni Misteriosi

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Detto all’inglese, mermaiding, fa di sicuro più tendenza, ma in compenso l’italianissimo “Nuotare come una sirena” lascia più spazio all’immaginazione. Queste però sono solo definizioni. Quello che conta davvero è che le piccole sirene di casa nostra possono finalmente mettersi alla prova in una disciplina che ha iniziato a diffondersi come professione nei primi anni Duemila, grazie a sirene australiane e californiane e alla prima scuola di nuoto per sirene nata nelle Filippine. Il gruppo di animazione bergamasco Le Sirene Giransole ha raccolto quel testimone e nei prossimi tre lunedì di luglio invita bambine e bambini ai Bagni Misteriosi. La proposta: invitarli a provare questa modalità un po’ diversa di avvicinarsi al nuoto, o comunque migliorare la familiarità con il mondo acquatico. Prima però una precisazione: non è una disciplina per sole femmine. I maschi possono a loro volta cimentarsi nel ruolo indossando i panni, anzi la coda, del “tritone”, che rappresenta l’equivalente maschile sia nella mitologia che negli sceneggiati televisivi. Tritoni e sirene hanno a disposizione tre turni della durata di mezzora (alle 16, alle 16,45 e alle 17,30) e un quarto d’ora d’intermezzo che può essere usato per una foto ricordo oltre che per togliere e lasciare la coda al coetaneo del turno successivo.

L’idea di vestire una coda colorata rende tutto più divertente e appassionante – spiega Enrica Rizzello, del gruppo organizzatore -. Il mermaiding unisce la pinnata a delfino con monopinna con le tecniche di respirazione legate all’apnea ed è un’occasione unica per avvicinare bambini e bambine al nuoto.

Per nuotare come sirene e tritoni non basta indossare una coda: bisogna imparare dei movimenti. Ed è proprio quello che succederà nei prossimi lunedì ai Bagni Misteriosi. Pare che questa stile di nuoto tonifichi il corpo, rilassi e aiuti a migliorare l’attività respiratoria e circolatoria. Queste caratteristiche lo rendono appetibile anche gli adulti, mentre i bambini si limitano viverlo come un momento di spensieratezza. Unico requisito richiesto: saper stare a galla da soli, anche con i braccioli.

Via Carlo Botta 18, 10 euro prenotazioni su info@bagnimisteriosi.com

GiampRem