Cosa sognano i tram

tramDalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. A prima vista è solo uno sferragliare di ruote d’acciaio sui binari, ma chi ha guardato con più attenzione, tra quei cavi, quegli snodi e quegli intrecci ci ha  visto anche sogni. Possibile che anche i tram sognino? Sì, secondo Ilaria Cairoli che ha appena pubblicato un libro, illustrato da Alberto Casagrande, intitolato semplicemente “Tram!” (Lavieri edizioni). Sabato 15 giugno alle 10,30 i bambini si ritrovano alla biblioteca Affori per giocare e per dare spazio all’immaginazione ispirandosi proprio a questo libro. Si gioca con i timbri, si ritaglia, si disegna e alla fine fioriranno certamente idee sul ruolo dei trasporti pubblici nella vita cittadina. I più fantasiosi possono persino immaginare un nuovo skyline urbano da attraversare insieme sul tram. Il libro qualche spunto lo regala. Si vede un vecchio 23 giallo che accoglie gente molto diversa: il ragazzo tatuato sulle braccia, il papà con la barba hipster, un uccellino azzurro appollaiato sugli “appositi sostegni” che sembra leggere un libro.

Ogni ospite porta la sua storia – si legge -, qualcuno la racconta, qualcuno la tiene per sé.

La biblioteca è in viale Affori 21. L’ingresso è libero e la prenotazione è consigliata, essendo l’attività aperta  a un massimo di 15 iscritti (6/10 anni). Il telefono è 02.88462522.

@GiampRem