Sul palco dopo la battaglia

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Se la malattia è il buio, allora il simbolo della speranza di guarire non può che essere la luce. Ecco perché la storia ispirata all’opera di Giovanni Verga, fondatore con un gruppo di genitori del Comitato Maria Letizia Verga, s’intitola “Luce mia”. La storia che diventa spettacolo teatrale nasce da quarant’anni  di attività in prima linea contro la leucemia infantile. Che tradotti significano Ricerca, Cura e Assistenza al Centro Maria Letizia Verga di Monza (presso l’Ospedale San Gerardo – Fondazione MBBM). Il progetto teatrale di Bruno Fornasari muove da un testo di Dario Merlini e Alessandro Savarese e punta al cuore del pubblico narrando le vicende di due famiglie colpite da quella terribile malattia. Essendo i due protagonisti nati in differenti momenti storici, l’esito sarà completamente diverso. Basti pensare che dal 1979 a oggi sono stati guariti ben duemila bambini e ragazzi fino ai 18 anni, al punto che oggi la prima ragazza guarita è… già nonna. Lo spettacolo è indicato a un pubblico di  bambini a partire dagli 11 anni e adulti. E’ in scena martedì 21 maggio alle 20,30 al Teatro Elfo Puccini in corso Buenos Aires 33. Biglietti-donazione da 25 euro fino a esaurimento posti, informazioni e prenotazioni al sito comitatomarialetiziaverga.it.  

GiampRem