Sound Music, i piccoli stregati da Mendelssohn

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Poetiche o gutturali, eleganti o ruvide che siano, le rime di un rapper sono “una” modalità di godere della musica. Non l’unica esistente. Il messaggio non spopola su Instagram e dintorni, cosa che, nei fatti, rende la rivelazione praticamente inaccessibile ai ragazzini. “Sound Music!” è il rimedio firmato Filarmonica della Scala: un progetto che promuove la cultura musicale classica, in un certo senso “alternativa”, tra i bambini delle primarie. Un migliaio ogni anno. Il percorso didattico è pensato per ampliare gli orizzonti in fatto di musica. L’evento finale è solo l’ultima parte del progetto; tutto nasce a scuola, nei due mesi precedenti l’esibizione al Conservatorio, che quest’anno è fissata in due date: la prima (venerdi) solo per le scuole e la seconda, sabato 6 aprile alle 17,30, per il pubblico delle famiglie. In questa edizione, tra febbraio e marzo, i bambini sono stati coinvolti in attività didattiche in classe, per avvicinarsi al “Sogno di una notte di mezza estate” op. 61 di Mendelssohn.

Sound Music Micheli Avvicinarsi dal punto di vista della “comprensione delle vicende narrate dalla commedia e nella conoscenza dei temi musicali”. Sabato, alla Sala Verdi del Conservatorio, Francesco Micheli (regista e narratore, foto sopra) e Alessandro Ferrari (direttore) riprendono le vicende di Lisandro, Ermia, Demetrio ed Elena in uno spettacolo che riesce a essere semplice.  Micheli fa partecipare il pubblico in un’atmosfera giocosa e lontana anni luce dall’idea di “lezione”.

Loro partecipano con un grande entusiasmo – spiegano alla Filarmonica -, a dimostrazione di come non abbiano preclusioni di ascolto. Quando sono educati alla musica riescono ad apprezzarne la bellezza.

Accanto ai musicisti della Filarmonica suonano gli studenti del Conservatorio. Dalla prima edizione del 2011 “Sound Music!” ha coinvolto oltre 10 mila alunni di 8/10 anni. I materiali didattici, per i genitori che volessero curiosare prima del 6 aprile, sono disponibili gratuitamente su www.filarmonica.it.

Via Conservatorio 12, ingresso gratuito, tel. 02.72023671.

GiampRem

Un’idea concreta contro l’eccesso di esposizione dei bambini agli schermi?

Iniziamo a staccarci noi adulti

Diamo l’esempio