Sulle orme del genio Leonardo

Hoepli for Kids
a sinistra una pagina di “Leonardo, genio senza tempo”, a destra “Piccolo blu e piccolo giallo”

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. La distanza di cinquecento anni esatti dalla morte lascia intendere che il 2019 sarà un anno di grandi celebrazioni per Leonardo. E non è detto che queste riguardino solo gli adulti. La libreria Hoepli, per esempio, dedica proprio a lui l’avvio del nuovo ciclo di letture animate “Hoepli for kids“. Lo spunto nasce da un libro di Davide Morosinotto, “Leonardo. Genio senza tempo” (Einaudi ragazzi): 96 pagine illustrate da Stefano Turconi che mostrano un irripetibile talento Rinascimentale all’opera. Perché Leonardo non è stato solo uno scienziato, ma anche un Maestro capace di stupire i contemporanei (e non solo) per la sua potenza creativa.

Sabato 23 febbraio alle 11 i bambini di 7/10 anni sono chiamati a mettere alla prova il proprio talento con l’aiuto del personale del brand di design “Superstuff” e del centro di ricerca e fabbricazione digitale “The FabLab Milano”. Chissà cosa avrebbe potuto realizzare il genio fiorentino se avesse potuto contare sulla tecnologia di cui disponiamo oggi. Leonardo dà il via, ma poi arrivano altri tre appuntamenti che seguono lo stesso impianto: prima la lettura animata di un libro e poi l’attività manuale.

Sabato 16 marzo, sempre alle 11, si passa dalle intuizioni rinascimentali a quelle di un campione della letteratura per l’infanzia come Leo Lionni. “Pezzettino” e più ancora “Piccolo blu e piccolo giallo” (Babalibri) sono due capolavori sempre attuali anche a decenni di distanza. L’attrice Barbara Archetti aiuta i più piccoli (3/6 anni) a immergersi in queste due storie che raccontano temi complessi come l’identità e l’accettazione della diversità con la semplicità di cui solo i grandi autori sono capaci. Segue attività di disegno. Gli ultimi due incontri si ispirano a “Il bambino mannaro” di Ufl Stark (Iperborea – 30 marzo) e a “A bear called Paddington” di Michael Bond (Harper Collins – 6 aprile) e sono curati rispettivamente dall’attrice Martina Folena e dall’insegnante del British Council  Rita Maria Pecorara.

@GiampRem