Spot in tv e obesità

Dal sito di Repubblica.it. Clicca sull’immagine per leggere l’articolo

Si rafforza sempre di più un pensiero cattivo: lo sanno tutti, ma non interessa. Passa tra lo tsunami quotidiano di notifiche come una goccia in una giornata di pioggia. Ah, già, c’era qualcosa da fare a proposito del rapporto tra bambini (almeno loro) e pubblicità, ma ci pensiamo domani. Il post di Irma D’Aria su Repubblica.it, ad esempio, cita una ricerca che dimostra la correlazione tra spot televisivi e consumo di cereali ricchi di zucchero, quelli che sembrano salutisti. Anche questa sarebbe infatti tra le cause del moltiplicarsi di casi di obesità tra i bambini.

Abbiamo scoperto che i bambini che vedevano pubblicità di cereali trasmessi nei loro programmi televisivi avevano più probabilità di mangiare proprio quegli alimenti

ha detto Jennifer Emond, membro del Cancer Control Research Program presso il Dartmouth’s Norris Cotton Cancer Center, l’organizzazione che ha condotto la ricerca per un anno su 624 bambini.

Che esista una correlazione tra spot  e consumo in generale era già piuttosto evidente, ma lo studio condotto nell’arco di un anno lo ha dimostrato scientificamente. Mi appoggio momentaneamente al post di Repubblica.it, ma mi riservo di leggere tutto lo studio in originale. Nel frattempo, insisto: partecipate all’intervista aperta sul sito. Vietare può servire, ma non basta: ai bambini bisogna dare strumenti per difendersi, se non si vuole diventare complici dell’accerchiamento che subiscono.

@GiampRem

Un’idea concreta contro l’eccesso di esposizione dei bambini agli schermi?

Iniziamo a staccarci noi adulti

Diamo l’esempio