Caccia ai segreti del Monumentale

maciachiniDalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Ovvio che d’istinto si rimane spiazzati: il consueto utilizzo del Cimitero Monumentale è troppo diverso. Sarà anche un teatro che non t’aspetti,  ma in fondo l’idea di incontrare Carlo Maciachini dentro la “sua” opera ha una genialità che finisce per compensare il disorientamento. L’architetto che progettò il cimitero un secolo e mezzo fa diventa la star (oggi si direbbe l’archistar) delle visite teatralizzate a cura della Ditta Gioco Fiaba. Il progetto si chiama La città della Memoria, è sperimentale, ma la Ditta e il Comune di Milano l’hanno già saggiato per qualche tempo con i bambini delle scuole. Oggi tocca al pubblico delle famiglie, in due modalità diverse. Il primo dei tre appuntamenti, sabato 23 giugno, riguarda i bambini più piccoli (dai 5 anni): i misteriosi soci del “Gabinetto per la Catalogazione delle Creature di Pietra del dottor Paolo Gorini” li attendono alle 10 nel piazzale d’ingresso per la più stravagante delle cacce al tesoro. Il Monumentale è un vero e proprio scrigno d’arte, ma pare che tra le sculture si nascondano creature di pietra diverse. I bambini devono scovarle e raccogliere informazioni per gli studi dello scienziato che fu contemporaneo di Machiachini. Solo i più attenti riceveranno il diploma di Allievo Catalogatore. L’attività si svolge dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17. Sabato 30 giugno e domenica 1 luglio tocca ai più grandi (da 8 anni). Per loro entra in scena “L’architetto” e la questione si fa ancora più intrigante: la musa della memoria Mnemosine accompagna i bambini a ritroso nel tempo, fino al 1863, per farli incontrare con Carlo Maciachini in persona e con il suo Capomastro. I due professionisti sono impegnati nella stesura del progetto di un grande cimitero milanese, ma hanno poco tempo a disposizione e tanti dubbi sulle possibilità di farcela. Dubbi che poi, si riveleranno decisamente infondati. Entrambe le proposte sono gratuite, ma per quelle del 30 giugno e 1 luglio è necessaria la prenotazione.

@GiampRem