Da E.T. a Mork, alieni alla riscossa

Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica”. Li abbiamo immaginati in mille modi. Qualche volta simili all’uomo, qualche volta dall’aspetto mostruoso. A seconda dell’estro degli autori siamo stati invasi da esseri piccoli e verdi, oppure alti e lattiginosi. Alcuni con intenzioni pacifiche, altri con propositi bellicosi. Sono così tante le storie sugli alieni, che il Museo del Fumetto ha deciso di raccoglierle in una mostra che inaugura sabato 26 maggio. S’intitola “Alieni” e nasce come omaggio agli extraterrestri più noti, quelli che hanno popolato storie a fumetti, libri, illustrazioni e film per la tv e il cinema. Come spesso accade al Museo del Fumetto, la mostra mette d’accordo i gusti di genitori e figli (magari non proprio i piccolissimi). Non c’è un’età giusta per apprezzare i tanti “nipotini” della “Guerra dei mondi” che H.G. Wells scrisse nel 1897 e più ancora per ascoltare dalla voce di Orson Wells quelle “Cronache marziane” che ottant’anni fa incollarono alla radio milioni di americani, persuasi che fosse in corso la diretta di un’invasione invece che un racconto di fantascienza. E non c’è un’età nemmeno per ammirare la statua di Superman, nativo del pianeta Krypton e quindi alieno pure lui. L’esposizione presenta anche diorami di ambienti galattici in stile “Star Trek” e “Star Wars“, con tanto di maschere in lattice degli alieni più celebri di entrambe le serie.  E naturalmente non potevano mancare fumetti (da un numero speciale di Zagor a Flash Gordon) e focus dei grandi capolavori cinematografici  (da Alien a Et fino a Independence Day e altri). C’è spazio anche per gli alieni dei cartoni animati e le serie per ragazzi. Tra i tanti, Mork di “Mork e Mindy“, quello in cui un giovanissimo Robin Williams interpreta lo stralunato alieno del pianeta Ork. La mostra ha inoltre ispirato le attività dei campi estivi e le proposte creative di giugno e luglio: al museo, i bambini dovranno inventare e disegnare pianeti sconosciuti e  i loro strani abitanti.

@GiampRem

+ cultura x l'infanzia - pubblicità = bimbì. Condividi?
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail