Smartphones vietati a scuola in Francia

smartphone
Fonte: click sullo screenshot della pagina de “Le Figaro” per leggere il post  di Marie-Estelle Pech

Come scrive il quotidiano Le Figaro, il Ministro dell’Educazione francese Jean-Michel Blanquer conferma: cellulari vietati nelle scuole elementari e medie al rientro dalle vacanze natalizie. «Si tratta di far rispettare le regole e il diritto. L’uso del telefono è vietato in classe. Insieme a professori e genitori dobbiamo proteggere gli allievi dalla “dispersività” causata da schermi e telefoni». Blanquer ricorda che prima delle riunioni, al Ministero tutti lasciano il cellulare nell’armadietto: «Mi sembra qualcosa alla portata di ciascun gruppo umano, compresa una classe».

A parte la segnalazione di qualche problema logistico, come il tempo perso per la consegna o il rischio di furto, alcuni genitori hanno detto che «Bisogna vivere il proprio tempo» e quindi che sarebbe meglio porre delle regole e puntare sulla spiegazione invece che vietare.

La mia opinione: si possono fare entrambe le cose. Non scaricare sul ragazzino le proprie responsabilità di educatori , ma prendersele sulle proprie spalle adulte, senza timidezze, ma, anzi, ma con una posizione forte e riconoscibile: lo smartphone in classe è vietato. E poi dedicare tutto, ma proprio tutto il tempo necessario a discutere, a scuola, sul perchè.

@GiampRem

Come tutto il sito, anche questo post si finanzia solo con la vendita del libro ⛵

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un’idea concreta contro l’eccesso di esposizione dei bambini agli schermi?

Iniziamo a staccarci noi adulti

Diamo l’esempio