Michèle Bonneton spiega in un video la sua proposta di legge per cancellare la pubblicità dai programmi per bambini della tv pubblica francese

La signora Michèle Bonneton è una deputata ecologista del Parlamento Francese. Dal suo blog, in questo breve video, spiega la posizione e la sua proposta di legge a proposito di pubblicità, bambini e tv pubblica. In Francia la tv pubblica già non trasmette pubblicità dalle 20 alle 6 del mattino. Ora si lavora per toglierla dai programmi per i bambini. Ho tradotto i primi 3 minuti del video (poi si ripete). Nonostante un paio di parole mi siano sfuggite, credo che il senso sia chiaro: il tema esiste ed è molto, molto, più dibattuto di quanto non si racconti. In questa pagina di Bimbì il post che spiega cosa è successo in Francia.
@GiampRem

——-

Buongiorno! Bene, vi do qualche news sulla proposta di legge che è stata esaminata ieri nell’Emiciclo dell’Assemblea Nazionale. Questo testo aveva per oggetto iniziale la soppressione della pubblicità nei programmi per i bambini, quindici minuti prima e quindici minuti dopo sui canali della tv pubblica e allo stesso modo sui siti internet che si riferivano a questi programmi.

Vi ricorderete senz’altro che in Commissione il Gruppo di Maggioranza aveva cancellato questa disposizione rimpiazzandola con una semplice domanda di Rapporto (l’impatto di una soppressione della pubblicità commerciale nei programmi per bambini della tv pubblica, le possibilità di evoluzione del contributo alla tv pubblica, le modalità della compensazione finanziaria…) da portare in Parlamento nel giugno 2017! 2017!

All’Assemblea Nazionale noi siamo riusciti a ristabilire il testo iniziale: dunque la proposta di legge attuale è di abolire la pubblicità dai programmi per i minori di 12 anni sui canali pubblici di France Télévisions e questo dal 1/1/2018 al fine di avere il tempo di trovare una compensazione finanziaria alla perdita che comunque è una perdita relativa: tra i dieci e i venti milioni di euro su un budget totale di France Télévisions di più di (……). Dunque, vedete, è una piccola perdita e noi abbiamo dettato delle soluzioni come ho spiegato nel mio intervento all’Emiciclo.

Dunque è una splendida notizia e io sono convinta che la mobilitazione cittadina è stata enorme e molto efficace. I media hanno ben coperto questa bellissima proposta (scusate, pecco un po’ d’immodestia oggi!)… e adesso questa che è già qualcosa di più avanzato di una proposta di legge andrà in Senato, ma io ho una grande speranza che termini correttamente con voto favorevole il suo percorso legislativo. Dunque grazie a tutti coloro che si sono mobilitati su questo testo di legge. Noi abbiamo tutti insieme ottenuto una bella vittoria ieri sera. Una vittoria per proteggere i nostri bambini che meritano molto meglio di essere un target pubblicitario. Meritano di essere considerati come dei futuri cittadini, riflessivi, responsabili. E’ in questo senso che io opero per proteggere la loro salute nel senso globale, il senso dell’OMS: salute fisica, salute mentale, salute psichica. E soprattutto per non fare degli iper-consumatori (…)

Grazie di aver partecipato!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.