I quadri parlanti del francese Friot

friot1Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica del 24/9/2015. C’era una volta uno scrittore francese che, con l’aiuto dei bambini, dava voce ai personaggi dei quadri. Sembra l’incipit di una favola e invece è quello che sta per succedere al Museo del Novecento con l’arrivo di Bernard Friot, lo scrittore per ragazzi che in Francia viene considerato l’erede di Gianni Rodari. Domenica 27 settembre Friot veste i panni inconsueti della guida museale e accompagna i bambini alla scoperta delle opere esposte. Niente a che vedere con la visita guidata formato standard. I suoi percorsi si svolgono lungo lo stesso filo conduttore che ha ispirato il suo ultimo libro “Storie di quadri (a testa in giù)”: immaginare, cioè, cosa potrebbero raccontare i quadri se potessero parlare. Il Museo del Novecento offre spunti a volontà per chi vuole animare i dipinti.

quartostatoBasti pensare alle quattro persone in prima fila del “Quarto Stato” di Pellizza da Volpedo, solo per prenderne uno a caso. La determinazione dei due braccianti, la donna scalza che li affianca, il bambino, in braccio. Non si tratta, banalmente, di soddisfare una curiosità. Si tratta prima di tutto di giocare insieme ai bambini (o ai più grandi) e scoprire imprevedibili chiavi di lettura. E soprattutto di educarsi a concepire l’arte come una festa “delle immaginazioni”: quella dell’artista, ma anche la propria. Di realizzare cioè che un’opera d’arte è tale quando apre nuovi scenari, anche a distanza di tempo: tutto il contrario degli stereotipi, che invece guidano verso risposte standard.

friot2Per i bambini, insomma, può essere una vera rivelazione. Friot conclude a Milano il tour italiano, che lo ha portato a Padova, Mestre, Bologna e Modena. La visita guidata di domenica 27 alle 17 è per bambini, ragazzi e adulti (lunedi 28 alle 17 tocca agli insegnanti, con la presentazione di Ad Artem delle attività per le scuole). Organizza l’editore il Castoro in collaborazione con Ad Artem.

Via G. Marconi 1, ingresso gratuito, prenotazione obbligatoria. Il Castoro tel. 0229513529, Ad Artem, tel. 026597728

@GiampRem

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.