Piccolo grande cinema: educare all’immagine… divertendo!

belle-e-sebastien2
Belle e Sebastien, domenica 17 novembre alle 15 allo Spazio Oberdan di Milano

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Lombardia, la Provincia e il Comune di Milano hanno dato un contributo fondamentale per la realizzazione della sesta edizione di Piccolo Grande Cinema, riconoscendo la manifestazione come proposta culturale di qualità per l’infanzia e l’educazione all’immagine. Parte a rovescio questo post, ma quando le istituzioni trovano la forza di sostenere proposte di qualità per l’infanzia di questa portata, bisogna dirlo subito. E così per due settimane Milano diventa una… piccola grande sala cinematografica nella quale, prima ancora di un film, si proietta il desiderio di sperimentazione e di ricerca dell’eccellenza lontano dal cliché.

Il Festival di Fondazione Cineteca Italiana e MIC – Museo Interattivo del Cinema si svolge dal 9 al 24 novembre allo Spazio Oberdan, al MIC e all’Area Metropolis 2.0.. Le sale saranno sede di anteprime nazionali, eventi, incontri e ci saranno anche una sezione a concorso e tanti laboratori per le scuole. PGC non un è “evento” ma è la punta di un iceberg. Il resto, quello che sta sotto e sorregge anche se si vede meno, è il costante lavoro di promozione del cinema che Cineteca e MIC svolgono durante l’anno presso le scuole e le famiglie. Possiamo quindi definirlo una sorta di festival permanente che nelle due settimane di novembre trova il suo momento di massima visibilità. Tra le proposte del primo week end si segnala Notte al MIC con l’anteprima di Moon Man di Stephan Schesch (sabato 9 – trailer in inglese) e la Domenica brasiliana allo Spazio Oberdan (domenica 10). Nel secondo week end spiccano le proiezioni di grandi anteprime: Belle et Sébastien (trailer in francese), Clara e il segreto degli orsi e Nono – Ci sono bambini a zig zag, tratto dal romanzo di David Grossman e con Isabella Rossellini. Nel terzo week end PGC incontra BookCity e le proposte si legano al mondo dei libri e della letteratura per l’infanzia. Molto ricco il programma per le scuole, con il concorso CineCineMondo, i laboratorio “Chi ha paura della lingua originale” e Booktrailer – Incontri molto ravvicinati tra libri e cinema”.

moon man
Moon Man, sabato 9 novembre alle 21 in anteprima al MIC

L’educazione all’immagine è sempre più cruciale – spiegano alla Cineteca – perché entra direttamente in gioco nella costruzione dell’identità e della dimensione sociale dei giovani e giovanissimi”. E’ proprio così. In una contemporaneità dominata dalle immagini, la capacità di interpretarle diventa un’abilità importante come la matematica o l’italiano. Diventa infatti una chiave di lettura indispensabile per riconoscere gli stereotipi. Dare centralità a progetti come questo (e come altri, Milano è più ricca di energie bambinesche di quanto non sembri) significa schierarsi concretamente dalla parte dell’infanzia. Darle un’opportunità.
L’intento di  PGCaggiungono gli organizzatori è di sensibilizzare l’attenzione verso la grande carenza del mercato italiano per ragazzi, mostrando quanto invece la domanda del pubblico e l’offerta internazionale siano sempre più forti”.

@GiampRem

Hai BISOGNO di un’informazione libera dai condizionamenti della pubblicità? Comprala 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi registrarti o loggarti? Ripassa le tabelline! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.