Alla scoperta del Rinascimento: un viaggio nel tempo tra dame e cavalieri al Castello

⛵ Dalla mia rubrica “Bambini” su TuttoMilano di Repubblica. Disegnare alla maniera di Leonardo, giocare come facevano i bambini nobili, scoprire il fascino della Pietà Rondanini di Michelangelo. Al Castello Sforzesco si profila una domenica Rinascimentale, resa ancora più realistica dal sottofondo di  strumenti come il liuto, l’arpa e flauto. Lo spunto per questo viaggio nel tempo lo offre la giornata a ingresso gratuito nei musei, promossa dal Mibact per domenica 4 febbraio. Milano risponde con “Bimbi al Castello“, un cartellone di iniziative che promette di incuriosire i bambini di 4/12 anni sulla vita di cinquecento anni fa. Le iniziative sono divise per fasce di età. Quelle di mattina sono tre e iniziano tutte alle 11. “Alla corte di Ludovico il Moro” è una visita al Museo d’arte antica organizzata da Ad Artem, durante la quale i piccoli di 4/5 anni si trasformano in duchi, dame e cavalieri grazie a semplici accessori. In “Musica al Museo” (6/12 anni) l’associazione Le voci della città accompagna i bambini in un percorso al Museo degli Strumenti Musicali, dove a guidare… è la musica stessa. Previste prove pratiche degli strumenti e musica dal vivo.  In “Sono rimasti di sasso”, Opera d’arte punta sul Museo d’arte Antica, “abitato”, tra gli altri, da personaggi come l’imperatrice orientale e il duca di Milano. Quante storie hanno da raccontare queste sculture? Il percorso si chiude davanti al capolavoro di Michelangelo, che i bambini (6/11 anni) provano a ridisegnare. Alle 15,30 ci sono altre due proposte: Ad Artem invita tutti alla Sala della Balla del Museo d’Arte Antica, per un pomeriggio di giochi e passatempi in stile rinascimentale. Sempre alle 15,30, con Opera d’arte, parte una visita allo stesso Museo, ai Cortili e alla Pinacoteca, per ascoltare le favole di Leonardo da Vinci lette da una pergamena. Alla fine, i bambini illustrano la loro fiaba preferita.

@GiampRem

+ cultura x l'infanzia - pubblicità = bimbì. Condividi?
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia un commento